Prime Opere - Testi di autori alla prima esperienza editoriale

 

 

 

Esci

PRIME RICERCHE

diretta da
Ernesto Paleani

Vol. 1, Federico Burani

SIR JAMES BROOKE. Personaggio storico nelle opere di Salgari e Conrad.

€ 15,00

pp. 160, col. - b\n, Cagli 1/2003.

Sommario: Cap. I James Brooke; Cap. II The Private Letters of Sir James Brooke; Cap. III The Life of Sir James Brooke di Spenser St. John; Cap. IV Emilio Salgari, I Pirati della Malesia e Sir James Brooke; Cap. V Lord Jim: Joseph Conrad e Sir James Brooke; Cap. VI Sir James Brooke nella realtà e nella Letteratura; Bibliografia. 

Con questo studio vedremo come Sir James Brooke, quasi sconosciuto al giorno d’oggi sia stato nell’età vittoriana uno degli uomini più famosi d’Inghilterra, come lo sia diventato e come abbia ispirato diversi autori, sia inglesi sia stranieri.

Nato in India, senza essersi creato un professione in Gran Bretagna, partì per l’Est asiatico senza una meta precisa. Qui aiutò un rajah a sopprimere una ribellione e come ringraziamento fu nominato rajah della provincia di Sarawak. Il piccolo regno che così creò durò per più di cento anni. La sua fama crebbe soprattutto poiché, attuando una politica giusta, sopprimendo la pirateria, riuscì a migliorare le condizioni di vita delle popolazioni indigene, dando vita anche al commercio di queste zone.

Potrebbe sembrare che la sua vita somigli molto a quella di tanti missionari, commercianti o colonizzatori che viaggiarono per il mondo nei secoli passati. C’è comunque un qualcosa che rende la sua vita speciale.

Innanzitutto il suo operato destò molto scalpore nel Regno Unito: come vedremo, fu aperta una commissione di inchiesta proprio per indagare sul suo lavoro. Dall’altra parte, venivano organizzate serate in suo onore, la Regina lo nominò Baronetto, i giornali lodavano il suo coraggio e la sua filantropia.

Prendendo in considerazione la letteratura, molti scrittori si ispirarono al Sud Est asiatico, ed alcuni proprio a Brooke. Certo, non desta scalpore se autori come Conrad o Maugham ripresero il colore locale, se non proprio il personaggio di Brooke, visto che viaggiarono in quelle zone, entrarono in contatto direttamente con le popolazioni che l’avevano ospitato e che ne erano state aiutate.